Riaperti i centri diurni per anziani, con nuovi progetti in arrivo - Unione Pedemontana Parmense

archivio notizie - Unione Pedemontana Parmense

Riaperti i centri diurni per anziani, con nuovi progetti in arrivo

Dopo la forzata chiusura dovuta alla pandemia, dallo scorso 31 maggio i Centri diurni di Collecchio, Basilicanova e Traversetolo, gestiti da Pedemontana Sociale, hanno riaperto i battenti, anche grazie allo stato di avanzamento della campagna vaccinale che, negli ultimi mesi, ha consentito di garantire un’ampia immunizzazione al Covid 19 per le categorie più fragili. Il periodo di chiusura, tuttavia, non aveva interrotto il servizio, proseguito con la modalità a domicilio che ha comportato un notevole impegno organizzativo da parte dell’azienda del welfare dei comuni dell’Unione Pedemontana Parmense e dei suoi operatori.


La ripartenza dei Centri diurni, che permettono di ospitare fino a 59 persone, segna anche l’avvio di nuovi percorsi di innovazione e investimenti. Dopo la recente inaugurazione del nuovo Centro Diurno di Traversetolo (giugno 2019), anche le strutture di Basilicanova e Collecchio saranno oggetto di importanti novità con la realizzazione, rispettivamente, di un “Giardino Alzheimer” (Basilicanova) e di una Stanza attrezzata per la stimolazione sensoriale” (Collecchio), servizi destinati alle persone affette da demenza cognitiva. Due modalità innovative di intervento sul comportamento, cosiddette “non farmacologiche”, in grado di migliorare la qualità della vita delle persone malate e dei loro caregiver.


Il giardino (costo previsto 50mila euro), sarà costituito da due macro-aree, “Terra e Acqua” e “Musica e Tatto”, oltre ad una zona relax. La prima verrà dedicata all’ortocoltura, al giardinaggio e all’idroterapia, mentre la seconda prevede due percorsi: uno tattile, l’altro musicale.


Una serie di attività terapeutiche-riabilitative per stimolare e impegnare l’ospite, riducendo l’ansia e lo stress tipico nei pazienti con patologie legate ai disturbi cognitivi, anche attraverso esperienze sensoriali come il contatto con l’acqua, elemento di vita capace di donare tranquillità e stimolare la memoria, e la musicoterapia, che suscita sensazioni, ricordi e facilita l’incontro con l’ambiente esterno. 


Il percorso tattile, in particolare, prevede la realizzazione di giardini verticali, all’interno dei non ci saranno solamente erbe, fiori e piante, ma anche materiali di diversa natura, come gommapiuma e sabbia, che per mezzo del contatto restituiranno all’ospite stimoli e sensazioni. L’ Area relax sarà invece destinata alla socializzazione, alle feste e alle attività ricreativo - manuali, anche in gruppo.


Il giardino, studiato e progettato nei minimi particolari, sarà un ambiente protetto, privo di barriere architettoniche e dotato di tutti gli ausili necessari per agevolare il movimento e il risposo degli ospiti.

La stanza per la stimolazione sensoriale sarà, analogamente, studiata e realizzata negli arredi, nelle dotazioni e nella possibilità di veicolare luci e suoni al fine di garantire percorsi per il trattamento “non farmacologico” delle criticità comportamentali delle persone con demenza, con l’obiettivo di un maggior benessere.


I percorsi proposti agli utenti verranno sottoposti ad una specifica valutazione oggettiva e scientifica (con l’utilizzo di appositi indicatori), al fine di misurarne l’efficacia e poter ridefinire le attività in base alle caratteristiche dei singoli soggetti.


Le due strutture, una all’aperto e una al chiuso, potranno naturalmente essere utilizzate dagli ospiti di tutti i centri diurni e, più in generale, da tutta l’utenza anziana in carico ai servizi di Pedemontana Sociale, capace ancora una volta di mettere in campo progetti all’avanguardia al servizio dei cittadini più fragili.


Pubblicato il 
Aggiornato il