Da lunedì 1 febbraio, l'Emilia-Romagna si trova in ZONA GIALLA - Unione Pedemontana Parmense

archivio notizie - Unione Pedemontana Parmense

Da lunedì 1 febbraio, l'Emilia-Romagna si trova in ZONA GIALLA

Da lunedì 1 febbraio, l'Emilia-Romagna si trova in ZONA GIALLA

Da lunedì 1° febbraio, l'Emilia-Romagna, quindi tutto il territorio dell'Unione Pedemontana Parmense, è tornata in zona GIALLALa declassificazione da zona ad alto rischio a rischio moderato, che consente ad esempio la riapertura di bar, ristoranti e musei, è stata disposta nella giornata di venerdì 29 gennaio dal ministro della Salute Roberto Speranza per mezzo di un'apposita ordinanza (Vai al testo integrale).
Le misure previste per le zone gialle sono quelle che erano state stabilite dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri con il Dpcm del 14 gennaio. Misure integrate dalle disposizioni previste dal Decreto-legge del 14 gennaio. Decreto che prevede il divieto di spostamenti tra regioni e province autonome fino a lunedì 15 febbraio, prorogato fino al 25 febbraio dal nuovo Decreto-legge numero 12 del 12 febbraio 2021 (Vai al testo integrale)

 

Le misure previste dal Decreto legge del 14 gennaio 2021

Proroga dello stato di emergenza fino al 30 aprile 2021, stop agli spostamenti tra le regioni anche in zona gialla, mantenimento del coprifuoco dalle 22 alle 5 e limiti per le visite a parenti e amici.  Queste le principali misure contenute nel Decreto-legge numero 2 emanato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella su proposta del Consiglio dei Ministri (Link al testo integrale pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale), in vigore da giovedì 14 gennaio a venerdì 5 marzo 2021.

ATTENZIONE: il divieto di spostamenti tra regioni e province autonome che era valido fino al 15 febbraio, è stato ulteriormente prorogato fino al 25 febbraio per mezzo del Decreto-legge 12/2021, varato dal Consiglio dei Ministri nella giornata di venerdì 12 febbraio. Restano pertanto in vigore le seguenti misure: 

 

Dal 16 gennaio al 25 febbraio 2021:

  • VIETATO lo spostamento tra regioni o province autonome, anche in zona gialla, con l’eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute, e dietro presentazione di apposita autodichiarazione (Scarica il modello editabile). 
  • CONSENTITO il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

Dal 16 gennaio al 5 marzo 2021:

  • CONSENTITO, una sola volta al giorno, spostarsi verso un’altra abitazione privata abitata, tra le 5 e le 22, ad un massimo di due persone ulteriori a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione. La persona o le due persone che si spostano, potranno portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti conviventi. Tale spostamento può avvenire all’interno della stessa regione, in area gialla, e all’interno dello stesso comune, in area arancione e in area rossa, fatto salvo quanto previsto per gli spostamenti dai comuni fino a 5.000 abitanti;
  • CONSENTITI, qualora la mobilità sia limitata all’ambito territoriale comunale gli spostamenti dai comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti e per una distanza non superiore a 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia.

Dpcm 14 GENNAIO 2021: Le misure zona per zona

 

 

 

 

 

Consulta tutti gli aggiornamenti dall'inizio della pandemia


Pubblicato il 
Aggiornato il