SERVIZIO CIVILE universale: pubblicato

il nuovo bando - Unione Pedemontana Parmense

archivio notizie - Unione Pedemontana Parmense

SERVIZIO CIVILE universale: pubblicato

il nuovo bando

Sono 137 i posti disponibili a Parma e Provincia per i giovani tra i 18 e i 28 anni che desiderano svolgere il Servizio civile universale.

Dodici mesi dedicati al bene della comunità e alla crescita personale, attraverso la partecipazione a 14 progetti che si svolgeranno in enti pubblici, cooperative sociali, associazioni e scuole, dove i giovani  volontari saranno chiamati a dare un supporto operativo in attività di assistenza agli anziani, a persone in condizioni di disagio, a disabili, a donne in difficoltà e a minori ancora. Non solo, il Servizio civile universale propone attività di educazione per minori e ragazzi, per mezzo di attività interculturali, di tutoraggio scolastico e di promozione ambientale.

Nel parmense sarà possibile svolgere il Servizio Civile Universale in tutti i territori dei comuni dell’Unione Pedemontana Parmense: Collecchio, Felino, Montechiarugolo, Sala Baganza e Traversetolo. Altri posti sono disponibili a  Parma, Fidenza, Berceto, Calestano, Colorno, Fontanellato, Fontevivo, Fornovo di Taro, Langhirano, Medesano, Noceto, Salsomaggiore, Soragna, Sorbolo Mezzani e Torrile. Ogni volontario riceverà un rimborso mensile di 439,50  euro, oltre ad un’indennità giornaliera se si partecipa ad un progetto all’estero oppure che preveda la misura aggiuntiva di un periodo da svolgersi in uno dei Paesi dell'Unione Europea.


La domanda per partecipare al bando potrà essere presentata entro le ore 14 di lunedì 8 febbraio e per partecipare occorre essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • Aver compiuto 18 anni e non avere ancora superato il 28 anno (28 anni e 364 giorni) alla data di presentazione della domanda;
  • Essere cittadino italiano, o cittadino di un altro Paese dell’Unione Europea, oppure cittadino non comunitario regolarmente soggiornante in Italia;
  • Non aver riportato condanne in Italia o all’estero, anche non definitive, ad una pena di reclusione superiore a un anno per delitto non colposo, oppure ad una pena anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici, o di criminalità organizzata.

Possono presentare domanda di Servizio civile i giovani che, fermo restando il possesso dei precedenti requisiti:

  • Nel corso del 2020, a causa degli effetti dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, abbiano interrotto il servizio volontariamente o perché il progetto in cui erano impegnati è stato definitivamente interrotto dall’ente;
  • Abbiano interrotto il Servizio civile a conclusione di un procedimento sanzionatorio a carico dell’ente che ha causato la revoca del progetto, oppure a causa di chiusura del progetto o della sede di attuazione su richiesta motivata dell’ente, a condizione che, in tutti i casi, il periodo del sevizio prestato non sia stato superiore a sei mesi;
  • Abbiano interrotto il Servizio civile nazionale o universale a causa del superamento dei giorni di malattia previsti, a condizione che il periodo del servizio prestato non sia stato superiore a sei mesi; abbiano già svolto il Servizio civile nell’ambito del progetto sperimentale europeo International Volunteering Opportunities for All e nell’ambito dei progetti per i Corpi civili di pace;
  • Abbiano già svolto il “servizio civile regionale” ossia un servizio istituito con una legge regionale o di una provincia autonoma.

Possono inoltre presentare domanda di Servizio le operatrici volontarie ammesse al Servizio civile in occasione di precedenti selezioni e successivamente poste in astensione per gravidanza e maternità, che non abbiano completato i sei mesi di servizio, al netto del periodo di astensione, purché in possesso dei requisiti di precedenti.

Infine, in deroga a quanto previsto all’articolo 14 del decreto legislativo 6 marzo 2017, n. 40, possono partecipare al bando i giovani che, alla data della presentazione della stessa, abbiano compiuto il ventottesimo e non superato il ventinovesimo anno di età, a condizione che abbiano interrotto lo svolgimento del servizio civile nell’anno 2020 a causa dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.


Come ci si candida

La domanda di partecipazione si presenta esclusivamente online, attraverso la piattaforma DOL (Domanda On Line), che consente di compilare e inviare la domanda attraverso PC, tablet o smartphone. Si raggiunge la piattaforma DOL  collegandosi a domandaonline.serviziocivile.it. L’accesso alla piattaforma è possibile solo attraverso l’identità digitale SPID (Sistema di Identità Digitale). Se non hai ancora il tuo SPID e non sai come ottenerlo visita il sito dell’Agenzia per l’Italia Digitale www.agid.gov.it/it/piattaforme/spid

Per la Domanda On-Line di Servizio civile, occorrono credenziali SPID di livello di sicurezza 2. I cittadini di Paesi appartenenti all’Unione europea e gli stranieri regolarmente soggiornanti in Italia, impossibilitati ad ottenere l’identità digitale, potranno accedere ai servizi della piattaforma DOL attraverso apposite credenziali da richiedere al Dipartimento, secondo una procedura disponibile sulla home page della piattaforma stessa. Le domande di partecipazione devono essere presentate esclusivamente nella modalità on line sopra descritta, entro e non oltre le ore 14 di lunedì 8 febbraio 2021.


Pubblicato il 
Aggiornato il