L'Unione Pedemontana diventa socia della Fondazione Toscanini - Unione Pedemontana Parmense

archivio notizie - Unione Pedemontana Parmense

L'Unione Pedemontana diventa socia della Fondazione Toscanini

È un investimento in chiave turistica, culturale e per la promozione del territorio, quello deciso dall’Unione Pedemontana Parmense nell’ultima seduta del Consiglio che si è svolta lo scorso 16 dicembre a Traversetolo, durante la quale è stato approvato l’ingresso dell’ente tra i soci della Fondazione Toscanini, una delle maggiori realtà musicali emiliano-romagnole attiva nel campo delle produzioni sinfoniche e liriche, ma anche nella formazione dei giovani talenti.


Un ingresso dalla porta principale in qualità di socio sostenitore che porterà diversi vantaggi, come spiega il sindaco di Montechiarugolo e assessore al Bilancio della Pedemontana Daniele Friggeri: «La Toscanini è un primo attore di Parma 2020. L’idea, nata in seno alla Giunta dell’Unione, è che siccome già oggi i nostri Comuni organizzano sul loro territorio dei concerti con le sue orchestre, il fatto di diventarne soci ci consentirà di avere la precedenza rispetto agli altri enti che non hanno aderito sul calendario delle proposte annuali della Fondazione. Come Unione saremo inoltre invitati ad ogni evento di Parma 2020 – precisa – e questo significa che la partecipazione nella Fondazione rappresenterà già di per sé un’occasione di promozione turistica della Pedemontana».


Non solo. L’operazione, spiega l’assessore al Bilancio, sarà vantaggiosa anche dal punto di vista economico. «Considerando che per un singolo ente o per un’intera Unione la quota associativa è sempre la stessa, pari a 15mila euro, ognuno dei nostri Comuni non avrebbe avuto la forza di sostenerla da solo – prosegue l’assessore al Bilancio –. L’adesione a livello sovracomunale ci consentirà invece di dividerla per cinque e i soldi investiti serviranno a finanziare una parte degli eventi che verranno organizzati. Ogni Amministrazione – conclude Friggeri – avrà naturalmente la libertà di scegliere cosa proporre al pubblico e quanto spendere».


Pubblicato il 
Aggiornato il