Unione, Polizia Locale e cittadini: tutti insieme per la sicurezza - Unione Pedemontana Parmense

archivio notizie - Unione Pedemontana Parmense

Unione, Polizia Locale e cittadini: tutti insieme per la sicurezza

Parlare a viso aperto di sicurezza, videosorveglianza e controllo di vicinato, godendosi un piacevole, seppur amaro, spettacolo teatrale, per imparare a conoscere ed evitare le truffe più comuni.

Il primo dei due incontri nell’ambito progetto “Sicuramente insieme”, che si è svolto nella serata di mercoledì 23 ottobre nel Cinema Teatro Comunale di Felino, dedicato ai cittadini felinesi ma anche di Collecchio e Sala Baganza, ha mostrato quanto sia importante «fare rete per rendere la vita difficile ai delinquenti», ha sottolineato il comandante della Polizia Locale dell’Unione Pedemontana Parmense Franco Drigani.

Azzerare furti e raggiri è un’utopia, ma la collaborazione tra forze dell’ordine e cittadini può fare la differenza, come sta accadendo nei cinque comuni della Pedemontana. A testimoniarlo ci sono i numeri della Prefettura, ha aggiunto il comandante, che mostrano un generale calo dei reati predatori tra il 2017 e il 2018. Trend che si sta confermando anche per quest’anno. «E il merito è anche di voi cittadini che ci supportate – ha osservato Drigani rivolgendosi al pubblico –. Si è instaurato un buon rapporto con gli agenti che seguono i gruppi del Controllo di Vicinato di Collecchio, Sala Baganza e Felino – ha aggiunto indicando Stefano Risoli, Andrea Rozzi e Ilenia Monica seduti in prima fila –. Talvolta si diffondono notizie infondate su quale sia la situazione dei reati nel nostro territorio e queste occasioni sono importanti per fare chiarezza e rispondere in modo diretto alle vostre domande».

Il sindaco di Felino e assessore alla Sicurezza dell’Unione, Elisa Leoni, ha sottolineato come gli incontri “Sicuramente Insieme” (la replica si svolgerà al Cinema Teatro Aurora di Traversetolo il prossimo 20 novembre sempre alle 21), rientrino in un progetto più ampio dell’Unione, che prevede un investimento da 150.000 euro, premiato dalla Regione con un contributo da 90mila euro. «Verrà implementato il sistema di videosorveglianza, con nuovi occhi elettronici ad alta tecnologia – ha spiegato nel dettaglio il sindaco-assessore –. Ma la Regione, che ci è sempre stata molto vicina, ha stanziato fondi anche per iniziative importanti come queste. Nei territori dell’Unione oggi c’è più sicurezza e questo grazie ai cittadini che, attraverso i gruppi del Controllo di vicinato, ci dedicano un po’ del loro tempo e tanta attenzione». Attenzione, perché a volte basta osservare meglio tutto ciò che quotidianamente ci circonda, ha aggiunto Drigani, come il via vai di auto sconosciute. «Con la videosorveglianza, ci bastano soltanto anche pochi numeri o lettere di una targa per effettuare dei controlli». Presente alla serata anche il sindaco di Collecchio Maristella Galli che ha rimarcato come sia importante «che ogni cittadino mantenga anche la fiducia nel prossimo. Sono tempi in cui siamo tutti timorosi dell’altro, in cui ovunque c’è una cultura del sospetto che ci porta ad essere preoccupati di chi ci sta vicino. Penso che il controllo di vicinato, lo stare attenti a quello che ci accade intorno e la conoscenza degli altri, debbano andare di pari passo. Perché conoscendo chi ci sta vicino si possono capire tante cose».

Oltre agli amministratori dell’Unione e ai rappresentanti della Polizia Locale, alla serata ha partecipato anche il vicecomandante della Stazione dei Carabinieri di Sala Baganza Carmine Di Nuzzo, a testimonianza degli ottimi rapporti con l’Arma, con la quale, ha sottolineato Drigani, ci sono contatti quotidiani.

Il saluto degli amministratori e la relazione del comandante, sono stati inframezzati dallo spettacolo “Truffati!”, in cui gli attori della compagnia “Teatro dei Sentieri”, Maria Antonietta Centoducati e Gianni Binelli accompagnati dal pianoforte da Ovidio Bigi, hanno portato in scena gli inganni più comuni: dal finto tecnico del gas al promotore finanziario senza scrupoli, passando per le offerte commerciali scorrette e il sedicente mago truffaldino. Un campionario tratto da episodi veri, raccontati dai giornali, per mostrare i tanti volti dei raggiri e spiegare come difendersi.

 


Pubblicato il 
Aggiornato il