Le priorità dell'Unione: consolidamento dei servizi e sicurezza - Unione Pedemontana Parmense

archivio notizie - Unione Pedemontana Parmense

Le priorità dell'Unione: consolidamento dei servizi e sicurezza

Le priorità dell'Unione: consolidamento dei servizi e sicurezza

Nuovi investimenti per la videosorveglianza, sicurezza, consolidamento e ampliamento dei servizi associati. Il tutto con un occhio sempre rivolto alla verifica di ulteriori spazi per il conferimento di altre funzioni. Il Consiglio dell’Unione Pedemontana ha approvato il Dup 2020-2022, l’importante Documento Unico Programmatico che traccia la rotta dell’ente nel prossimo triennio e «l’aspetto più importante – spiega il presidente dell’Unione e sindaco di Sala Baganza Aldo Spina –, è la consapevolezza che ci troviamo in una stagione ormai matura di attività dell’Unione. Diventa quindi indispensabile uno sforzo di consolidamento in tutti i diversi ambiti in cui opera l’ente, sulla base di un compiuto trasferimento di funzioni da parte dei Comuni. Ma occorre anche indagare ulteriori spazi di crescita – aggiunge Spina –, per non perdere di vista quelle situazioni nuove in cui la gestione associata può dare una risposta efficace ai bisogni delle nostre comunità. In particolare, per le forme di cooperazione più innovative – conclude –, in cui si richiedono elevati livelli di specializzazione, ad esempio, nella pianificazione territoriale, ambientale ed energetica».

Proprio alla vigilia del “sì” al Dup, arrivato nella seduta di martedì 24 settembre, dalla Regione è arrivata, per bocca del consigliere regionale ed ex sindaco di Felino Barbara Lori, la buona notizia che l’ente emiliano-romagnolo ha assegnato al progetto sulla sicurezza presentato dall’Unione per sviluppare ulteriormente la rete di videosorveglianza e realizzare iniziative pubbliche rivolte alla popolazione, un contributo da 90 mila euro. Fondi che hanno portato, sempre nel corso dell’ultima seduta, ad approvare una variazione di bilancio, che consente di riportare nelle casse della Pedemontana 90 dei 150mila euro accantonati per il progetto, che verranno coperti dalla Regione.

«Nel dettaglio – spiega l’assessore al Bilancio dell’Unione e sindaco di Montechiarugolo Daniele Friggeri –, la Regione ha stanziato 89.100 euro, di cui 80mila per investimenti sul sistema di videosorveglianza, e 9.100 per la parte corrente, vale a dire lo sviluppo di progetti sempre legati alla sicurezza. Grazie a questo contributo – precisa Friggeri –, 80mila euro tornano a disposizione dell’ente per ulteriori investimenti. Il rapporto con la Regione è sicuramente positivo: ci sta supportando nelle nostre, meritevoli e innovative iniziative come questa, perché non si tratta soltanto di un contributo per il sistema di videosorveglianza, ma anche per risolvere problematiche legate alla viabilità e realizzare attività di informazione e formazione ai cittadini su come evitare truffe e raggiri».

 

L’Unione che verrà

Le scelte strategiche contenute nel Documento Unico Programmatico 2020-2022, sono state definite coerentemente con il Piano di Riordino Territoriale (PTR) 2018-2020 della Regione, che si pone come obiettivo il rafforzamento amministrativo di Comuni e Unioni, prevedendo una serie di misure corredate da incentivi economici.

Il Dup 2020-2022, in particolare, programma il consolidamento e l’ampliamento delle funzioni. Ad oggi, l’ente gestisce per conto dei suoi cinque Comuni (Collecchio, Felino, Montechiarugolo, Sala Baganza e Traversetolo), i Servizi sociali (attraverso Azienda Pedemontana Sociale), il Personale, il Servizio Anticorruzione e Trasparenza, la Polizia locale e Protezione civile, il Servizio Turistico (ancora in fase di avvio), la Centrale Unica di Committenza (Concorsi, gare d’appalto e contratti), i Servizi informatici e lo Sportello Unico Attività Produttive (Suap).

Una prima novità concerne proprio il Suap che si occupa anche del Servizio Prevenzione Rischio Sismico, funzione esternalizzata che verrà ricondotta ad una gestione interna, accrescendo così il patrimonio di competenze. Per quel che riguarda la sicurezza, verrà inoltre ampliato l’orario di servizio degli agenti della Polizia locale e verrà rafforzato il sistema di Protezione civile, attraverso il coordinamento delle strutture tecniche-operative reperibili in caso di emergenza.

Terminata ormai la fase preparatoria, nei prossimi mesi entrerà in piena attività anche il Servizio Turistico. Parma 2020 sarà l’occasione per inaugurare proposte e pacchetti per la valorizzazione del territorio destinati a diventare un’offerta strutturata nel tempo. Verrà inoltre individuata una figura specializzata che accompagnerà i Comuni nella realizzazione delle varie iniziative. Si ritiene inoltre strategico l’avviamento di un percorso collaborazione con il Comune di Montechiarugolo, che al momento non ha aderito alla gestione turistica associata.  

Per favorire la partecipazione ai bandi europei, che consentono di accedere a importanti contributi, e favorire la collaborazione attraverso rapporti di amicizia o gemellaggi con altri Comuni o Unioni al di fuori dal territorio nazionale, sarà costituito un Ufficio Europa, in stretta collaborazione con la rete SERN (Sweden Emilia-Romagna Network). Ultimo punto programmatico inserito nel Dup, ma non certo per importanza, è l’istituzione di un Ufficio di Piano per fornire ai Comuni un supporto tecnico sulla tutela e l’uso del territorio.

Uno dei dati più curiosi contenuti nel Dup che dimostrano l’efficienza dell’Unione, sottolinea Friggeri, riguarda la tempestività nei pagamenti: «Nel 2018 la media è stata di 10,26 giorni, un numero molto inferiore alla media nazionale e al termine massimo previsto dalla legge che è di 30 giorni».

 

 

 


Pubblicato il 
Aggiornato il