SERN: l'UE finanzia nove progetti per 1,2mln - Unione Pedemontana Parmense

archivio notizie - Unione Pedemontana Parmense

SERN: l'UE finanzia nove progetti per 1,2mln

SERN: l'UE finanzia nove progetti per 1,2mln

Tre giorni per tracciare un bilancio dei progetti, realizzati e in itinere, tra seminari, visite guidate ad alcune realtà imprenditoriali di successo e l’elezione del nuovo board, che ha visto la riconferma alla carica di presidente di Lubiano Montaguti, del Comune di Forlì, e la new entry svedese alla vicepresidenza di Gert-Inge Andersson, del Comune svedese di Trollhättan.

L’Assemblea Generale del SERN (Sweden Emilia-Romagna Network), che si è svolta dal 9 all’11 maggio a Collecchio, ha visto la partecipazione di circa cento delegati italiani e svedesi, riuniti alla Corte di Giarola, sede dei Parchi del Ducato, per l’importante meeting. Un appuntamento al quale, nella mattinata di sabato, ha partecipato anche l’ambasciatore del Paese scandinavo in Italia Robert Rydberg.

SERN, associazione senza scopo di lucro di cui fa parte anche l’Unione Pedemontana Parmense, è nata per assistere i soggetti pubblici e privati nello sviluppo di legami internazionali e di progetti comunitari su temi di grande rilevanza, come le politiche sociali, l’ambiente, l’educazione, l’imprenditoria e il turismo.

L’obiettivo è quello di conoscere le esperienze di eccellenza maturate nei vari Paesi e sviluppare forme di cooperazione, anche al fine di accedere ai canali di finanziamento europei. Tra i progetti già realizzati ci sono ad esempio Evolaq, che riguarda il confronto tra mondi del volontariato, Sideis, per lo sviluppo di strategie innovative in contesti educativi, e, tra quelli in corso di realizzazione, c’è WIR, che ha lo scopo di raccogliere le migliori pratiche nell’accoglienza dei rifugiati da presentare all’attenzione della Commissione Europea. Progetto che oltre a Svezia e Italia vede la partecipazione di altre nazioni, come Germania, Finlandia, Lettonia e Spagna. Complessivamente nel 2018 la rete SERN ha presentato all’UE 11 progetti, di cui 9 sono stati ammessi e finanziati per 1.223.511 euro.

«Essere parte del SERN e ospitarne l’Assemblea generale per noi è un motivo di grande orgoglio – ha sottolineato il presidente dell’Unione e sindaco di Collecchio Paolo Bianchi –. Dal 2003 il SERN premette l’incontro e il confronto tra amministratori e realtà associative di Italia e Svezia, promuovendo lo scambio diretto di esperienze e buone pratiche a favore di una buona politica, al passo con i tempi e non basata sui sogni, ma sui reali bisogni dei cittadini». Per il presidente dei Parchi del Ducato, Agostino Maggiali, che ha fatto gli onori di casa, «ospitare l’assemblea alla Corte di Giarola è un fatto molto importante. Ci ritroviamo pienamente nello spirito che ha portato alla creazione di questo network, un modo per coltivare una vera Europa, fondamentale per il futuro delle nostre nazioni e per le nuove generazioni. È stata un’opportunità anche per presentare il nostro ente – ha aggiunto il presidente –, che in questi anni ha assunto un ruolo significativo rispetto alle politiche ambientali e della sostenibilità».

Tra i membri riconfermati del board, c’è anche Norberto Vignali, consigliere dell’Unione Pedemontana Parmense. «Il rinnovamento dell’organo direttivo del SERN è un momento molto rilevante – ha osservato Vignali –, così come è importante tracciare un bilancio dei tanti progetti che sono stati realizzati e che sono ancora in itinere. Progetti che vengono poi finanziati dall’Unione Europea e che rappresentano un’opportunità di crescita e di sviluppo per la nostra comunità».


Pubblicato il 
Aggiornato il