Difendersi da truffe e furti: campagna informativa - Unione Pedemontana Parmense

archivio notizie - Unione Pedemontana Parmense

Difendersi da truffe e furti: campagna informativa

Difendersi da truffe e furti: campagna informativa

Prevenire è meglio che curare. Un principio valido anche quando si tratta di furti e truffe, dove i primi a rendere la vita difficile ai malviventi possono essere i cittadini stessi, adottando alcuni piccoli accorgimenti che l’Unione Pedemontana Parmense, grazie a un finanziamento della Regione Emilia-Romagna, ha messo nero su bianco in due brochure, nei prossimi giorni disponibili presso gli sportelli degli enti pubblici, le case della salute e i circoli per anziani.

Per quel che riguarda i furti, si va ad esempio dal semplice suggerimento di lasciare sempre una luce accesa quando si esce a quello, meno scontato, di non registrare mai un messaggio nella segreteria telefonica che faccia riferimento ad un’assenza prolungata. Quando si tratta di evitare una truffa, invece, è buona norma non fidarsi di chi chiede denaro subito in cambio di investimenti “sicuri” o cerca di consegnare un pacco a pagamento, assicurando al malcapitato che sia stato ordinato da un suo familiare.

Due pratici pieghevoli, sia per ricordare le contromisure più banali, ma troppo spesso dimenticate, sia per elencare quelle che ancora non si conoscono. «Sono strumenti utili per sensibilizzare le persone ad adottare alcuni semplici accorgimenti per evitare furti o raggiri – sottolinea il comandante della Polizia Pedemontana Franco Drigani –, realizzati grazie ad un accordo di programma per la sicurezza finanziato dalla Regione, che oltre a garantire investimenti per il sistema di videosorveglianza prevede iniziative di informazione alla popolazione. Accorgimenti che in certi casi possono sembrare scontati, ma che spesso si dimenticano. Nelle pubblicazioni si possono inoltre trovare i nostri contatti, e invitiamo i cittadini a chiamarci in caso di necessità, ma anche per segnalarci episodi sospetti o richiedere informazioni. Come Polizia Locale abbiamo aumentato i controlli nelle zone residenziali nelle ore del tardo pomeriggio – assicura il comandante –, ma la collaborazione con la popolazione, ad esempio anche attraverso i gruppi di Controllo del Vicinato, è fondamentale».

Per la presidente dell’Unione Pedemontana Parmense con delega alla Sicurezza, Elisa Leoni, «queste pubblicazioni rappresentano un altro tassello nell’impegno sul tema della sicurezza che l’Unione Pedemontana sta portando avanti. Un tema centrale della nostra agenda politica, tant’è che oltre a continuare ad investire sul sistema di videosorveglianza – aggiunge Leoni –, entro quest’anno abbiamo deciso di sfruttare la capacità assunzionale dei comuni dell’Unione per avere tre agenti in più, di cui due a tempo indeterminato. Ma la nostra azione – conclude la presidente – può essere resa molto più efficace dalla collaborazione dei nostri cittadini, partendo proprio da quei semplici comportamenti quotidiani elencati in questi depliant».

 


Pubblicato il 
Aggiornato il